header_sup
serv_bar_dx
header_la
header_1st
lastadds_mid header_dx
inf_anime
header_sx_manga header_medium_manga header_dx_manga
Visite: 323242    Online: 1   Utenti attivi: 1901   Immagini: 4103 cont_over_dx rss
main_menu

Registrati
Recupera Password
Rispedisci Convalida
main_menu
personaggi
anime
manga
focus_on
mulrimedia
tagboard


Per inserire un messaggio, esegui prima il login.
cont_header
        detective


Documento senza titolo

L'Fbi

Shinichi Kudo non è l'unico a dare la caccia all'organizzazine degli uomini vestiti di nero: infatti, sulle loro tracce c'è anche il Federal Bureau of Investigation americano, meglio noto per la sua sigla, FBI. A differenza dei MIB non compaiono fin dall'inizio di Detective Conan, ma fanno il loro ingresso più tardi con il procedere della trama. Non si conoscono i motivi per cui essa sta dando la caccia ai membri dell'organizzazione: sappiamo però che sia Jodie Starling che Akai Shuichi hanno dei motivi personali per volerne la morte.

Primi incontri
La prima comparsa dell'FBI nel popolare manga di Gosho Aoyama accade con l'arrivo di una nuova insegnante d'inglese al liceo Teitan: il suo nome è Jodie Saintemillion e, da quanto ci viene permesso di capire, si è trasferita in Giappone per motivi di lavoro. Parla spesso con un forte accento americano ed è una patita di videogiochi: infatti, il primo caso in cui compare la troviamo intenta a giocare in una sala giochi giapponese. Non sono chiare subito le sue posizioni: nell'epilogo, infatti, parla al telefono con un membro ignoto e pronuncia frasi piuttosto ambigue, tra le quali "It's time to pick up the rotten apple" e "l'ho trovato alla scuola elementare Teitan" che lasciano pensare alla coincidenza del suo personaggio con quello di Vermouth, che conosciamo già dai tempi di Incontro Indesiderato.

Shuichi Akai

Successivamente fa la sua comparsa un altro membro dell'FBI, caratterizzato da una entrata in scena molto misteriosa: infatti compare ripetutamente nell'episodio del dirottamento dell'autobus e in quello dell'uomo di Chicago; inoltre, appare anche nell'episodio di "Abbreviazioni frettolose" e lo si nomina in "Il delitto di San Valentino". Il suo nome è Shuichi Akai: si sa di lui solo con l'episodio di Golden Apple. Infatti, Ran lo incontra sotto la piogga: le viene intimato di andarsene velocemente dal luogo in cui si trovava assieme a Shinichi a causa della presenza di un pericoloso killer, che si rivelerà poi essere Vermouth. Akai Shuichi riesce anche a ferire con un proiettile Bermotto, tuttavia questa si salva. Egli viene considerato da Vermouth, in un primo momento, il silver bullet che distruggerà l'organizzazione.

L'uomo di Chicago

Un terzo membro dell'FBI fa la sua apparizione nell'episodio conosciuto in Italia come "l'uomo di Chicago": egli è infatti in Giappone con la copertura di un anziano signore venuto appositamente dall'America per acquistare alcuni souvenir. Questi viene coinvolto in un caso di sequestro di persona per errore e viene salvato da Conan e dalla polizia giapponese; dopo che gli agenti hanno fermato i rapitori, però, scompare nel nulla. Nell'epilogo lo vediamo in un furgone blu scuro alla cui guida c'è Shuichi Akai: è in questa occasione che ne scopriamo il nome. I due sembrano tramare qualcosa, ma non è chiaro cosa: Conan, infatti, considera ormai Akai un uomo dell'organizzazione nera e pertanto lo teme.

Episodio 345

L'FBI si svela completamente solo nell'episodio 345: infatti, vengono smontate le possibilità che Jodie Saintemillion (vero nome Jodie Starling, agente FBI) e Sharon Vineyard/Chris Vineyard (Vermouth) siano la stessa persona. Quest'ultima ha infatti ucciso i genitori della prima, membri dell'FBI, ed ha distrutto in un incendio tutti i documenti che la riguardavano. Per questo motivo, Jodie ha seguito le orme di suo padre per vendicarne la morte e porre fine all'organizzazione nera. Il piano organizzato da Jodie però fallisce a causa della forte somiglianza tra questa e Vermouth, che aveva precedentemente ordinato agli agenti FBI nascosti tra le mura del porto di tornarsene a casa perché il giorno dell'attacco non era quello. Tuttavia, quando Bermotto sembra avere la meglio, entra in scena Shuichi Akai che riesce a capovolgere la situazione: spezzando entrambe le gambe a Calvados, il cecchino nascosto sul tetto, da il tempo a Jodie di rifugiarsi in una posizione in cui non possa essere colpita dalle pallottole della pistola di Vermouth. Entra in scena anche Ran, che Chris Vineyard chiama Angel, la quale riesce a salvare Ai Haibara da morte certa. Bermotto riesce comunque a fuggire, mentre Calvados si toglie la vita; Shuichi Akai scompare prima che arrivi la polizia giapponese ordinando a Jodie di comunicare ai poliziotti di essersi imbattuta in un caso di sequestro di persona a danni di minori.

 

Scritto da Sherry Haibara

 


dx_col_1st
footer